Passare a Samsung Galaxy S7 ne vale la pena?

La domanda più richiesta è: vale la pena S7? Ma sopratutto vale la pena passare da Galaxy S6 e S7?

Per rispondere a questa domanda Hd Blog ha messo a confronto i due device e quelle che seguono sono le dettagliate considerazioni

Per rispondere a questa domanda stiamo utilizzando S7 da ormai una decina di giorni e abbiamo affiancato a questo modello S6 aggiornato a Marshmallow e Note 5, sempre Android 6.0.1, che ha 4GB di RAM e quindi è ancora più simile a S7. In questo modo abbiamo analizzato ogni aspetto, miglioramento e possibile differenza tra la gamma 2015 e la serie 2016 di top gamma Samsung.

Hardware, Materiali ed Ergonomia:

S7 è praticamente identico a livello hardware rispetto a S7 Edge anche se le dimensioni sono inferiori dato che il display è da 5.1 pollici. Una caratteristica importante che, unita al design e alle cornici ridotte, rende Galaxy S7 Flat uno dei top gamma più piccoli e tascabili in circolazione.

Lateralmente troviamo i tasti per la regolazione del volume ed il tasto di accensione/blocco. Sulla parte inferiore lo speaker di sistema, il microfono principale, il connettore microUSB con supporto OTG ed il jack audio da 3.5mm che sono “aperti” nonostante il device sia certificato IP68 e quindi resistente ad immersioni ad una profondità massima di 1.5 metri per 30 minuti.

Sulla parte superiore non troviamo più il sensore ad infrarossi ma c’è il secondo microfono ed il cassettino per la SIM in formato nano e per la microSD che può espandere fino ad ulteriori 200GB i 32GB di memoria UFS 2.0 integrata ad alta velocità di cui circa 7.3 sono occupati da files di sistema. Non è supportata la funzione Adoptable Storage di Android 6. Galaxy S7 sarà disponibile anche in versione da 64GB sebbene non in Italia. Non è prevista quella da 128GB.

Sul retro la fotocamera principale, quasi a filo con la scocca, che ha un sensore Sony IMX260 da 12 megapixel con stabilizzatore ottico e tecnologia Dual Pixel che permette di avere una messa a fuoco molto più rapida. La fotocamera ha un’apertura focale f/1.7 in grado di offrire immagini più luminose e nitide anche in condizioni di scarsa illuminazione. Presente anche un flash LED ed un nuovo cardiofrequenzimetro, più simile a quello presente sui wearable, più veloce ed accurato nel rilevamento.

Sulla parte anteriore ci sono una fotocamera da 5 megapixel, sempre con apertura f/1.7 in grado di registrare video ad una risoluzione massima QHD, sensori di luminosità e prossimità ed un LED di notifica. Nel tasto home è integrato uno scanner biometrico, anche questo migliorato rispetto alla generazione precedente. Presenti anche i due tasti funzione capacitivi con feed a vibrazione e retroilluminazione che ha una durata limitata che non può essere regolata se non tramite applicazioni di terze parti.

69.6 x 142.4 x 7.9 mm
5.1 pollici – 2560×1440 px
72.6 x 150.9 x 7.7 mm
5.5 pollici – 2560×1440 px
  • Sistema: Android 6.0.1 con TouchWiz UX
  • Display: SuperAMOLED QHD da 5.1″ (2560×1440 pixel), densità 534ppi
  • Processore: Exynos 8890 octa core da 2.3GHz, 14nm / Snapdragon 820 2.15GHz
  • GPU: Mali-T880MP12 con supporto Vulkan API
  • RAM: 4GB LPDDR4
  • Memoria interna: 32/64GB UFS 2.0 espandibile tramite microSD
  • SIM Card: nano SIM
  • Fotocamera posteriore: 12 MegaPixel con Dual Pixel, f/1.7, OIS
  • Fotocamera anteriore: 5 Megapixel, f/1.7
  • Connettività: LTE Cat. 9, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac MIMO dual band / Bluetooth 4.2 / NFC / USB 2.0 con OTG
  • Sensori: Luminosità, prossimità, scanner biometrico, contapassi, cardiofrequenzimetro
  • Dimensioni: 150.9 x 72.6 x 7.7mm
  • Peso: 157 grammi
  • Batteria: integrata da 3600mAh con ricarica rapida e wireless

Il processore è un Exynos 8890 Octa core (2.3GHz Quad + 1.6GHz Quad) a 64 bit con processo costruttivo a 14 nm. In altri mercati sarà realizzata anche una versione conSnapdragon 820. La GPU è una Mali-T880. 4GB RAM (LPDDR4) di cui 2.2 sono utilizzati da sistema ed applicazioni.

Il sistema è sempre molto fluido e reattivo e non ha mai mostrato incertezze in questi giorni di utilizzo. I benchmark hanno riportato punteggi decisamente elevati: con AnTuTu sono stati superati i 128000 punti mentre con GeekBench si è arrivati a 6467 in multi-core e 2108 in single-core. Asphalt 8 e Real Racing 3, i nostri titoli di riferimento, riescono ad essere giocati al massimo dettaglio grafico con un framerate molto elevato.

La gestione della RAM, così come nei Galaxy S6 e Note 5 aggiornati a Marshmallow è decisamente migliorata anche se qualche applicazione viene ricaricata quando ne iniziamo a tenere aperte oltre sette/otto. Grazie ad un sistema di dissipazione del calore implementato da Samsung, una sorta di heat-pipe, le temperatura viene mantenuta più bassa evitando cali delle prestazioni.

Display:

Il display è un Super AMOLED da 5.1 pollici di diagonale con risoluzione QHD da 2560 x 1440 pixel, matrice Pentlie Diamante ed una densità di 577ppi. Samsung ha raggiunto ormai l’eccellenza per quanto riguarda i pannelli Super AMOLED e, come confermato anche dallanostra analisi tecnica, il display del Galaxy S7 (identico ad Edge per caratteristiche) offre una fedeltà cromatica decisamente elevata.

Tramite impostazioni possiamo scegliere tra quattro modalità tra cui una adattiva che ottimizza automaticamente gamma, saturazione e nitidezza. Ottima anche la visibilità all’aperto grazie al trattamento oleofobico del vetro anteriore e particolarmente ampio l’angolo di visione.

Buono il lettore di impronte che comunque non riesce ad essere efficace come quello del Nexus 6P o LG G5 e che necessita di una pressione fisica sul tasto centrale per sbloccare lo schermo. Ottima invece la presenza dell’always on display che consente di visualizzare ora, notifiche e informazioni senza consumare troppa energia. A dire il vero l’AON è l’unico elemento software che, al momento, incide in maniera visibile sull’autonomia generale. S7 Flat con AON disattivo ha un’autonomia superiore: serviranno aggiornamenti e ottimizzazioni per trovare il giusto compromesso.

Peccato infine per la poca oleofobicità della cover posteriore.

Batteria, Audio e Ricezione:

La batteria integrata è da 3000mAh con sistema di ricarica rapida, anche in modalità wireless. La ricarica completa tramite cavo avviene in circa 80 minuti. Decisamente buona la durata delle batteria. Con utilizzo intenso si riesce a coprire facilmente una giornata arrivando a toccare anche le 4 ore di display attivo.

Non manca un sistema di risparmio energetico che limita prestazioni e la connettività dati in background ed un risparmio energetico avanzato che utilizza un tema semplificato in scala di grigi e che lascia attive solo le app fondamentali e quelle selezionate dall’utente.

Sono supportate le reti LTE Cat.9 con velocità massima in download di 450Mbps ed abbiamo il WiFi 802.11 a/b/g/n/ac (2.4/5GHz) con sistema di antenne MIMO, Bluetooth 4.2 LE, ANT+, USB 2.0 ed NFC. Ricco anche il parco di sensori che comprende anche un barometro ed uno geo-magnetico. Non mancano il MirrorLink per collegare il device ai sistemi di infotainment per auto compatibili ed il Download booster che combina la velocità di LTE e Wi-Fi per scaricare file dalle dimensioni superiori ai 30MB.

Ottima la qualità audio sia tramite capsula auricolare che tramite lo speaker di sistema. Nessun problema di ricezione ed anche l’audio percepito dai nostri interlocutori risulta pulito grazie al sistema di soppressione dei rumori.

Stesso discorso fatto su S7 Edge

Software:

Il sistema operativo è Android in versione 6.0.1 Marshmallow con interfaccia utenteTouchWiz. Una Ui che, complice l’aggiornamento a MM della gamma S6, risulta praticamente identica rispetto ai modelli 2015. Una percezione di poche novità anche se per i possessori dei precedenti modelli si tratta sicuramente di un’ottima notizia, S7 non genera il classico effetto Wow ed è comprensibile visto che esteticamente e a livello firmware le differenze a prima vista sono davvero poche. S7 però si apprezza nell’uso quotidiano e i pochi ma efficaci miglioramenti apportati rispetto a S6 lo rendono un telefono migliore a tutti gli effetti.

La TouchWiz è stata comunque ulteriormente migliorata, possiamo avere una griglia di 5×5 anche nell’app drawer che può essere anche eliminato tramite una funzionalità sperimentale presente nella sezione Galaxy Labs (non presenti su S6). Possibile anche dividere il display in due per tenere contemporaneamente attive altrettante applicazioni e ridurre in finestra flottante una o più applicazioni facendo scorrere il dito da un angolo superiore verso il centro.

Smartmanager, l’applicazione che consente di ottimizzare le prestazioni dei device è ora presente come applicazione di sistema

Il browser di serie è Internet di Samsung in versione 4.0. Le pagine web, anche quelle più pesanti, riescono ad essere gestite al meglio ed offrono un’elevata fluidità nello scroll e reattività al doppio tap ed al pinch in ed out. Presente la navigazione in modalità segreta, la vista PC e la possibilità di inserire password tramite riconoscimento delle impronte.

Veloce e precisa anche la tastiera che offre un feed sonoro ed a vibrazione, la scrittura tramite scorrimento del dito e possibilità di personalizzarne l’altezza. Buono anche il sistema di pressione del testo che può essere multilingua.

Altra novità presente su questo Galaxy S7 è il Game Launcher che oltre a raggruppare tutti i giochi in un solo posto offre anche una serie di funzionalità. Possibile attivare un risparmio energetico che limita risoluzione e fps, eliminare gli avvisi durante il gioco, bloccare tasti, ridurre il gioco ad icona, effettuare screenshot o registrare le nostre partite fino ad una risoluzione massima Full HD con immagini catturate anche dalla fotocamera anteriore. I video realizzati possono essere poi facilmente condivisi. Galaxy S7 inoltre, supporta le librerie Vulkan di Khronos.

Fotocamera e Multimedia:

Anche sul Galaxy S7, cosi come sugli altri top di gamma della gamma Galaxy di Samsung, il comparto fotografico è sicuramente uno dei punti di forza. Tramite impostazioni possiamo scegliere la risoluzione massima delle foto, 12 megapixel in formato 4:3 e video Ultra HD per la fotocamera posteriore e 5 megapixel, sempre in rapporto 4:3, e video Quad HD per quella anteriore.

Presenti diverse modalità di scatto tra cui una PRO in cui possiamo regolare separatamente diverse impostazioni, messa a fuoco selettiva, collage video, trasmissione in streaming su YouTube, Hyperlapse, Slow motion a 240fps e scatto virtuale. Presente anche una nuova funzione “Foto in movimento”, che cattura anche una breve sequenza video, e “Motion Panorama” che permette di “animare” la foto scattata muovendo il device verso destra e sinistra.

La fotocamera anteriore offre una modalità di miglioramento del volto, correzione occhi e pelle in tempo reale, scatto tramite controllo vocale, gesture o tocco del cardiofrequenzimetro ed un flash virtuale tramite illuminazione del display.

In queste due settimene di test abbiamo potuto confrontare bene S6, Note 5 e S7 e possiamo dire che S7 è considerabile migliore per l’uso generale. Di giorno la qualità è simile ai precedenti modelli ma di sera e notte il miglioramento è netto.

 

Le foto ed i video catturati con questo Galaxy S7 offrono un buon mantenimento dei dettagli, un’accurata regolazione dell’esposizione ed un buon bilanciamento dei colori. Decisamente buona anche la qualità delle foto in condizione di scarsa illuminazione e belle anche le macro. La fotocamera anteriore riuscirà a farvi scattare degli ottimi selfie.

Infine migliorata molto la messa a fuoco, la stabilizzazione e la resa cromatica.

Stesso discorso di S7 Edge

l player musicale di default è Play Music ma è possibile scaricare dallo store di Samsung anche l’applicazione Musica che permette la gestione delle playlist e la regolazione della velocità di riproduzione. Non manca un equalizzatore grafico a sette bande ed effetti di riverbero e surround in cuffia. Ottima la resa sonora tramite cuffie ed elevata anche la qualità ed il volume tramite speaker di sistema. Il player video non riproduce nativamente i DIvX e le tracce audio AC3.

Conclusioni:

Per concludere torno alla domanda iniziale: Galaxy S7 Flat vale la pena? La risposta è si. Se cercate uno smartphone equilibrato, costruito in modo eccellente, tascabile e con tutto quello di cui potreste aver bisogno, S7 è la scelta giusta. Difetti ci sono ma sono lievi e ormai parte della personalizzazione Touch Wiz che se da un lato è odiata dai puristi, dall’altro aggiunge tantissime funzionalità che sono davvero interessanti.

Galaxy S7 è poi ottimo per i giochi, perfetto per le foto, eccellente per display e qualità audio e ha una ricezione ottima. I difetti sono la poca oleofobicità, l’assenza della Type-C e un’ottimizzazione RAM/software che non ci riesce realmente a convincere ancora.

FotocameraMaterialiErgonomia e piacevolezza in manoHardwareDisplay
USB Micro nel 2016Poco oleofobicoOttimizzazione RAM rispetto alle risorse disponibiliMancanza Infrarosso

Voto: 9

admin Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *